yu-siang-teo-gzjh4cvggcs-unsplash
borghideuropalogo
borghideuropalogo

MENU

MENU

​CONTATTI

​CONTATTI



Via Lussemburgo n.42, Padova/

Piazzale Martesana, Milano
email : borghideuropa@yahoo.com
redazione : info@italiadelgusto.com

Via Lussemburgo n.42, Padova/

Piazzale Martesana, Milano
email : borghideuropa@yahoo.com
redazione : info@italiadelgusto.com

Con lo scopo di valorizzare e promuovere la conoscenza, lo sviluppo e la diffusione delle culture locali in tutte le loro espressioni

Con lo scopo di valorizzare e promuovere la conoscenza, lo sviluppo e la diffusione delle culture locali in tutte le loro espressioni

IL NOSTRO BLOG

italiadelgusto.com @ All Right Reserved 2019 | Sito web realizzato da Flazio Experience

Testata Giornalistica Borghi d'Europa, registrata il 21/05/2019 presso il Tribunale di Treviso, N° Iscrizione 276. Direttore Responsabile: Giorgio Vizioli, Tessera Gionalista N° 171844

italiadelgusto.com @ All Right Reserved 2019 | Sito web realizzato da Flazio Experience

Testata Giornalistica Borghi d'Europa, registrata il 21/05/2019 presso il Tribunale di Treviso, N° Iscrizione 276. Direttore Responsabile: Giorgio Vizioli, Tessera Gionalista N° 171844

VISITE GUSTOSE IN OLTREPO’: LA TENUTA MAZZOLINO E L’ALBERGO RISTORANTE IL SELVATICO

2022-02-16 16:58

Admin

News,

VISITE GUSTOSE IN OLTREPO’: LA TENUTA MAZZOLINO E L’ALBERGO RISTORANTE IL SELVATICO

Milano, 16 febbraio 2022- Borghi d’Europa ha trascorso un ottimo sabato in Oltrepò assieme a un gruppo di competenti giornaliste e degustatrici,scopre

Milano, 16 febbraio 2022- Borghi d’Europa ha trascorso un ottimo sabato in Oltrepò assieme a un gruppo di competenti giornaliste e degustatrici,scoprendo da vicino due realtà di spicco del territorio: prima la Tenuta Mazzolino di Corvino San Quirico (nella valle del Pinot Nero) e poi a pranzo all’Albergo Ristorante Il Selvatico di Rivanazzano Terme.

Sulle colline di Corvino San Quirico sorge la Tenuta Mazzolino, una Cantina a conduzione familiare che ha iniziato a coltivare l’uva nel 1980, grazie all’abilità e all’amore per il buon vino di Enrico Braggiotti, il quale grazie a delle origini francesi, ha sempre visto la Francia ed in particolare la Borgogna come modello di riferimento per eleganza e qualità altissima dei vini a base di uve Pinot Nero e Chardonnay.

Oggi, la Tenuta Mazzolino è condotta da 7 anni da Francesca Seralvo che continua la tradizione vitivinicola di famiglia, puntando sempre alla qualità e al territorio, specialmente se si parla di Pinot Nero, sia negli Spumanti Metodo Classico che per i vinificati in rosso.

 

Il gruppo di giornalisti in visita da Mazzolino ha potuto degustare lo Spumante Blanc de Blanc 2017 da uva Chardonnay in purezza, bello brioso con gradevoli note agrumate e una bella sapidità poi    l’Oltrepò Pavese DOCG Pinot Nero Spumante Rosé Cruasé 2015, intenso e molto fine, con un naso importante, il Pinot Nero Terrazze 2020, fresco, con note fruttate e floreali, il nuovissimo Terrazze Alte 2020, più complesso e speziato, ed infine il top, il Pinot Nero Noir 2018, elegante ed intrigante e dotato di una bella morbidezza, che ricorda davvero la Borgogna!

Il pranzo è stato un momento altrettanto importante, perché il team di giornalisti e degustatori ha avuto il piacere di assaggiare le prelibatezze preparate da Piera Spalla Selvatico, cuoca gourmet dell’Alleanza Slow Food del Selvatico di Rivanazzano Terme (agli inizi della Valle Staffora, famosa per i salumi di Varzi) e simbolo della cultura enogastronomica locale in Oltrepò Pavese.

Il Selvatico, che è sia ristorante che albergo, esiste sin dal 1912 ed è famoso per l’accoglienza calorosa e la premura verso la clientela, ed è oggi gestito dalla signora Piera con la figlia Michela in cucina, mentre l’altra figlia Francesca col marito Sergio Daglia si occupa della sala e dei vini da abbinare alle succulente pietanze, con una competenza davvero di livello.

Una portata che racconta il territorio e identifica bene i valori e la qualità proposta dal Selvatico sono senza dubbio i Malfatti (Piatto dell’Unione del Buon Ricordo),  gnocchi a base di erbe stagionali, pane grattugiato e ricotta.

La carta dei vini del Selvatico è vasta e notevole: nel pranzo i giornalisti hanno potuto degustare delle bolle Metodo Classico impareggiabili, dei Riesling Renano della zona di annate differenti, ed infine un Pinot Nero fermo del 1998!

L’Oltrepò riserva sempre sorprese piacevoli quando si parla di enogastronomia locale: questo perché ci sono tradizioni che vengono tramandate e comunicate bene, anche grazie al grande lavoro svolto dal Consorzio di Tutela dei Vini dell’Oltrepò Pavese, diretto dal bravo Carlo Veronese.

Così va bene!

 

 

 

Alessio Dalla Barba

img_20220212_114703_8.jpeg
img-20220212-wa0030.jpeg
img-20220212-wa0033.jpeg
francisco-ghisletti-rzrij8c0860-unsplash

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità dell'Associazione

Come creare un sito web con Flazio