caven-inferno-carmine-valtellina-superiore-docg-
20180901184420

VINI D’AUTORE: 3 ETICHETTE DI NERA E CAVEN PRESENTATE IN VENETO DA BORGHI D’EUROPA


 

Durante le Giornate del Patrimonio Culturale Europeo

Milano, 5 Settembre 2018- La testata web Borghi d’Europa ha presentato tutti i propri progetti d’informazione l’1 e 2 settembre c.m. presso l’Osteria La Postina di San Pietro di Feletto (Tv), col classico format di interviste multimediali e racconti a filò a rappresentanti di borghi, territori, enti e piccoli imprenditori che lavorano con passione ogni giorno.

Un territorio indubbiamente ben rappresentato in questa manifestazione è stata la Valtellina, grazie alla presenza di 3 grandissime etichette delle Cantine Pietro Nera e Caven di Chiuro (So), vero esempio di viticoltura eroica di montagna, dove a causa delle pendenze delle quote, non possono essere usati mezzi meccanici e i vignaioli alla fine sono ripagati dal duro lavoro (manuale) con dei vini eccezionali, dove spicca il Nebbiolo delle Alpi o Chiavennasca.

La Casa Vinicola Nera esiste da oltre 70 anni, fondata da Guido Nera e condotta poi dal figlio Pietro e oggi dai fratelli Simone e Stefano che nel 1982 hanno fondato anche l’Azienda Agricola Caven Camuna, nome che deriva dal fatto che in tempi remoti nella località Caven, risiedeva la civiltà Camuna, della quale sono venuti alla luce reperti archeologici di un certo valore storico.

Le uve raccolte vengono vinificate dalla famiglia Nera nelle cantine ubicate a Chiuro (So), che hanno una capacità totale di circa 40.000 hl, dei quali circa 10.000 formati da botti di rovere, barriques e tonneaux, che garantiscono un ottimo affinamento per l’esigente ed elegante Nebbiolo Chiavennasca.

Durante la manifestazione dedicata alle Giornate del Patrimonio Culturale Europeo, sono stati presentati ai partecipanti e addetti ai lavori il bianco I.g.t. Terrazze Retiche di Sondrio “Rezio” di Nera, un vino fruttato, persistente e complesso, ottenuto da vinificazione in bianco di uve Nebbiolo e Rossola (autoctono valtellinese storico) e da vinificazione separata di Chardonnay ed Incrocio Manzoni e il Valtellina Superiore Docg Inferno Riserva “Al Carmine” di Caven, un rosso intenso, morbido e sapido, proveniente dalla sottozona vitivicola Docg “Inferno”, che può invecchiare anche più di 10 anni.

Ultimo, ma molto importante, lo Sforzato di Valtellina Docg, ottenuto mediante l’appassimento delle uve Nebbiolo, che lo rende unico e tanto differente dal resto dei vini prodotti in Valtellina: viene messo infatti in commercio dopo un periodo di invecchiamento e di affinamento di 20 mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno (anche lo Sforzato se conservato bene può invecchiare anche più di 10 anni) che lo rendono strutturato, fine e persistente.

Borghi d’Europa ha presentato questi 3 grandi vini in maniera originale, abbinandoli con dei piatti prodotti con altre eccellenze italiane e non, col preciso intento di dare voce ai vari territori presenti alla manifestazione: tutti i partecipanti hanno apprezzato e sottolineato la qualità dei vini valtellinesi di Nera e Caven all’unanimità!

Create a website